LUCIA BORGONZONI (LEGA) E DANIELE MARCHETTI (LEGA) “IL RICORSO DELLA REGIONE CONTRO IL DECRETO SICUREZZA ULTIMO COLPO DI CODA DI UN PD ALLO STREMO”

Comunicato-stampa della Sen. Lucia Borgonzoni (Lega) e di Daniele Marchetti consigliere regionale della Lega

“Che il Partito democratico abbia perso il contatto col territorio lo ha confermato l’esito della tornata elettorale del 4 marzo scorso, che sia allo stremo e non perda occasione per dimostrare come abbia più a cuore i propri interessi (leggi business accoglienza) rispetto alla nostra gente lo sta dimostrando oggi, quando pensa ad un ricorso alla Corte costituzionale contro il decreto Sicurezza, sul tema dell’accesso dei migranti ai servizi sanitari, consideranto la Sanità come una competenza esclusiva regionale”. La senatrice, Lucia Borgonzoni, ed il consigliere regionale leghista, Daniele Marchetti,non ci stanno e vanno all’attacco della Giunta di viale Aldo Moro guidata da Stefano Bonaccini. “Il Decreto Sicurezza – spiegano – è una legge dello Stato italiano e, come tale, deve essere applicata. D’altro canto se il Presidente della Repubblica avesse ravvisato degli evidenti profili di incostituzionalità oppure avesse ravvisato che il Decreto Legge non presentasse i requisiti di necessità e urgenza, non lo avrebbe firmato e promulgato. Ma Mattarella non ha accolto l’appello delle opposizioni e lo ha firmato il 3 dicembre”. Detto questo, “quelle propinate dal Partito democratico – continuano Borgonzoni e Marchetti – sono delle fake news: l’obiettivo dell’insieme delle disposizioni introdotte dal Governo è quello di riportare a una gestione ordinaria il “sistema asilo”, attraverso il progressivo azzeramento delle istanze pendenti e la contrazione dei tempi di esame delle richieste di asilo. Tant’è che Bonaccini e i suoi dovrebbero sapere che durante la fase tecnica di esame dell’istanza, al richiedente asilo – pur non essendo più iscritto all’anagrafe della popolazione residente in base alle nuove norme – continuano ad essere assicurati gli stessi servizi di accoglienza e di assistenza, le cure mediche e i servizi scolastici per i minori”. Il decreto Sicurezza voluto dal ministro dell’Interno, nonché vicepremier, Matteo Salvini, fa una chiara e netta distinzione tra “rifugiati” e “richiedenti”, tanto da eliminare ogni tipo di discrezionalità in ordine alle decisioni di concedere o meno il permesso di soggiorno per motivi umanitari. E questo sarà reso possibile dall’introduzione di una tipizzazione dei casi di tutela complementare, con precisi requisiti per i soggetti interessati. In altre parole: “l’aria è cambiata, è finita la pacchia di coloro che decidevano di sperperare i soldi degli italiani con elargizioni sia a vantaggio di coloro che avevano già ottenuto lo status di “rifugiato” (e dunque ne avevano diritto) e coloro che, invece, senza alcun titolo si trovavano nel nostro territorio” pungono i due esponenti del Carroccio. Su questa tematica il Gruppo regionale Lega Nord, primo firmatario il consigliere regionale Daniele Marchetti, ha depositato il mese scorso un’interrogazione nella quale chiedeva alla Giunta di viale Aldo Moro “se, alla luce del Decreto sicurezza, non ritenesse opportuno modificare le Leggi regionali, le delibere, i protocolli e qualsiasi atto amministrativo che non tenessero conto della distinzione tra “richiedenti” e “rifugiati”. “Anziché dannarsi per continuare a sperare di poter proseguire a gestire indistintamente i richiedenti asilo e chi invece ha già ottenuto lo status di protezione internazionale (le motivazioni dello studio del ricorso alla Corte costituzionale stanno tutte qui), la Regione Emilia-Romagna farebbe meglio ad adeguarsi alle indicazioni del Governo e a ritarare tutti quegli atti amministrativi (leggi, testi, protocolli) promulgati nel corso degli ultimi anni, e che non tengono conto della distinzione tra “rifugiati” e “richiedenti”. Ad oggi il decreto Sicurezza è legge dello Stato, e al Partito democratico non resta che mettersi l’anima in pace” concludono la senatrice ed il consigliere regionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...