SINDACO PIZZAROTTI “NESSUNO PUO’ DIRE COSA E’ UNA FAMIGLIA”

Dalla pagina facebook di Federico Pizzarotti Sindaco di Parma

Il nostro Vescovo ci dice che una coppia gay non è una famiglia. Capisco la posizione, è stata con mia grande sorpresa anche quella sostenuta da Papa Franscesco, ma da uomo delle istituzioni e dei diritti non posso non spiegare la mia posizione. Ribadisco che sono felice di aver sottoscritto nei giorni scorsi il riconoscimento di figli di coppie omogenitoriali. Lo rifarei oggi, domani e nei giorni a venire. Dove c’è amore e cura, chi sono io per dire chi è o cos’è una famiglia? La sottoscrizione di due genitori dello stesso sesso è un puro atto di anagrafe, un riconoscimento legale, non concettuale. Non sottoscrivere gli atti di anagrafe non farà di quelle persone dei genitori meno di tutti gli altri, ma farà di quei bimbi dei bambini con meno diritti di tutti gli altri. E noi istituzioni dobbiamo per primi saper riconoscere e tutelare diritti rispetto ad una società che cambia, che non va giudicata, ma compresa. L’amore è la forza che muove il mondo, non può essere arginata ma solo accompagnata, e soprattutto difesa. Guai a noi se perdessimo questo sguardo sulla società, ci rinchiuderemmo da soli dentro un nostro steccato dividendo il mondo tra “noi e gli altri”. Spero ci saranno sempre persone disposte ad esporsi per difendere non solo i loro diritti e doveri, ma soprattutto per quelli degli altri. “Se il mondo vi odia, sappiate che prima di voi ha odiato me.“ 15,18. Vangelo secondo Giovanni

LAURA CAVANDOLI PERSONAGGIO DELL’ANNO CON IL 64% DEI VOTI

Alla fine del mese di novembre il nostro giornale online ha indetto un sondaggio sul web allo scopo di incoronare il personaggio del 2018 di Parma. Un televoto che ha premiato con il 64% l’On. Laura Cavandoli, parlamentare e consigliere comunale della Lega, già candidato sindaco alle comunali 2017, che alle elezioni del 4 marzo scorso ha espugnato il collegio della Camera dei Deputati di Parma Città, storico baluardo della sinistra, battendo con cinque punti di distacco la paracadutata renziana Lucia Annibali. Al secondo posto Kiara Fontanesi, campionessa mondiale di motocross, con il 21%.

POLIZIA BILANCIO DEI CONTROLLI NEGLI ESERCIZI PUBBLICI

La Divisione Polizia Amministrativa della Questura di Parma è stata impegnata in serrati controlli volti alla prevenzione di incidenti durante i festeggiamenti di Capodanno. Più nel dettaglio, gli uomini della Polizia di Stato, hanno lavorato su due fronti, da un lato attraverso controlli sugli esercizi commerciali che rivendono materiale pirotecnico, affinché sia rispettato quanto previsto dalla legge sui fuochi artificiali e dall’altro, alla luce dei recentissimi e tragici fatti di Ancona, che i luoghi di pubblico spettacolo, quali le discoteche, rispettino i limiti numerici di affluenza e le normative di sicurezza ed antincendio. In tutto sono stati controllati 6 esercizi commerciali, dai controlli è stato verificato il corretto rispetto della normativa vigente sugli artifici pirotecnici. Per quanto attiene invece le discoteche, ne sono state controllate 2, anche in questo caso non sono state verificate irregolarità. La capienza massima di persone è stata rispettata, idem per quanto concerne i dispositivi di sicurezza, verificati all’uopo dai Vigili del Fuoco.

CAPODANNO BOTTI VIETATI A ROMA

La sindaca di Roma Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza che vieta l’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici in occasione dei festeggiamenti di fine anno. Il provvedimento prevede il divieto assoluto di usare materiale esplodente come fuochi artificiali, razzi e giochi pirotecnici: sarà in vigore dalle 00.01 del 31 dicembre 2018 alle 24.00 dell’1 gennaio 2019, su tutto il territorio di Roma Capitale. Sono escluse dal divieto bengala, fontane, bacchette scintillanti, trottole e girandole luminose. “Nostro dovere è tutelare l’incolumità dei cittadini e la loro sicurezza, in particolare durante i numerosi eventi organizzati in città in occasione dell’ultima notte dell’anno”, afferma la sindaca, Virginia Raggi. (Ansa)